trasformare una brugola in cacciavite.

Ieri ho fatto musica che non era mia. non lo so di chi era. Allora sono andato. Ho bevuto birra fumato cicche ascoltato musica (dovrei metterne di nuova nell’ipod) e guardato le macchine passare (, sperando che). Il cielo era troppo alto.ci ho provato, ma mi sarei dovuto buttare e mi sarei sporcato che avevo appena fatto la doccia. Allora ho pensato che forse l’architetto di quel monumento ce l’ha con gli skaters.altrimenti mica ci faceva uno scolo per l’acqua giusto al centro. Poi i minuti passavano lenti che ho pensato che magari stavo ascoltando canzoni da manciate di secondi, perché mi pareva quelle passassero e invece mi sa di no. Mar Variations rilassa. Dovrebbe fare dei dischi. E ad un certo punto dieci minuti esatti sono passati veloci e allora sono tornato anch’io.

Carry on and have a smile,
ef

Annunci
Pubblicato in efeizee | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

che ci sono anche le eccezioni.

Stamattina ho visto un dottore che era anche un prete.
Ed era mattina presto ed ero seduto e se non fosse stato così presto e non fossi stato così com’ero, credo sarei andato là a parlargli e a chiedergli un sacco di cose. La prima sarebbe stata una cosa tipo “ma bisogna darti del Lei perché sei sacerdote e del Lei perché sei medico? Se si sommano, quindi del Voi? Del Loro? Come funziona?“. Poi gli avrei chiesto se il suo vescovo ed il suo capo reparto/primario si fossero mai incontrati e avessero fatto a botte.
Poi ho visto anche un magrebino in macchina, davanti ad un bar, che continuava a fare telefonate e ogni volta sembrava che volesse attivare una bomba a distanza, che continuava a guardarsi intorno circospetto e parcheggiata di fianco a lui c’era una fiat bravo marca carabinieri e un carabiniere che si stava fumando una cicca fuori dalla volante e mi veniva da chiedergli “ma voi non dovreste girare sempre in coppia?” e menomale non gliel’ho chiesto perché ci ho pensato poi che magari poteva essere un riferimento ai testicoli e magari avrebbe pensato che gli stavo dando del coglione. che magari manco ci sarebbe arrivato, chissà. però era rasato e panciuto. poi é spuntato il suo collega, che era rasato e mingherlino.
Una dottoressa mora fredda come un tavolo di alluminio, una bionda accogliente come una sedia di legno con i cuscini. E lo stesso segretario di sempre che nell’ambiente di lavoro é rigido e antipatico, quasi maleducato, forse senza il quasi, ma fuori secondo me é proprio simpatico. che fisicamente mi sembra il Paolo e forse questo me lo fa sembrare meglio di quel che vedo.
Acqua e sale. ci van bene solo per la pasta?

Carry on and have a smile,
ef

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

quello di una volta.

che la prima canzone dei questo video é un remix o forse un live di “all i need” di ken ross, che é un tizio che vi avevo consigliato di ascoltare a luglio scorso, nel secondo post di questo blog. mi ha fatto sorridere.
che ultimamente ogni volta che inizio a scrivere un post nuovo vengo distratto o vengo impossibilitato dal continuare a scrivere per cause di forza maggiore.
che lo scrivere aiuta a scrivere meglio.

Credo che alcne persone siano legate tra loro da non so cosa da sempre. Tipo da piccolo ti ritrovi le domeniche a fare le gite con i tuoi ed i loro amici. E c’é dario, che ha più o meno la tua età, che é figlio di una coppia di amici dei tuoi. E ci passi un sacco di anni, che tutte le gite, tutte le domeniche, ci giochi insieme. Poi passa il tempo e diventi più grande, e le gite le domeniche con i tuoi non le fai più, e i pomeriggi festivi li passi con i tuoi amici e poi in motorino con la fidanzatina, che ci vai con lei a fare le gite, che allora si poteva andare in due, bastava avere un casco ciascuno e due braccia che ti avvolgevano l’addome. e dario lo perdi di vista e lo vedi solo per caso e per fatalità ogni tanto. Poi passano ancora gli anni e le fidanzate, e trovi Lei. Che andare a pranzo la domenica con la sua famiglia é una cosa che fa felici e ci pensi dal giorno prima a che vestiti mettere e lavi anche la macchina e ci gonfi le ruote che sai che suo papà ci tiene. al pranzo ci sono anche degli amici di genitori della tua fidanzata. E c’é maria, che ha più o meno la stessa età della tua fidanzata, ed é figlia degli amici dei genitori della tua fidanzata. Il ragazzo di maria si chiama dario. Ed é lo stesso dario con cui giocavi da piccolo. E dopo anni ti ritrovi a passare ancora le domeniche con dario. che invece delle gite, ci fai i pranzi. che sono entrambe cose che fanno star bene.

Ho passato proprio un bel weekend.

Carry on and have a smile,
ef

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

prima per davvero.

una volta, quando ero a *qualsiasi posto* volevo che c’eri anche tu, anche se ancora mica ti conoscevo e mica sapevo che ti avrei trovata, sai.
maledetta primavera che in casa fai fare freddo e appena esci fa un caldo che vedi la gente che non capisce niente che uno con i pantaloni corti cammina di fianco ad uno col piumino e poi vedi uno che proprio non capisce più niente che ha un berretto di lana di quelli con le orecchie in giù di manu chao e che gli viene caldo e si toglie la felpa ma si tiene il berretto, chissà, magari ha paura di perdere il calore dalla testa e vuole tenere i pensieri bollenti per quando va a casa dalla sua fidanzata.
é che forse sono fin troppo curioso e chissà se suona meglio dire gli schimesi, gli eschimesi o gli esquimesi. io mi sono innamorato del primo per cause di forza maggiore, ma non vi sto a spiegare qui, che rischierei di annoiarvi. magari nel prossimo post. :)
Ascolto ContaineR che sono due ragazzi di Vicenza che ho scoperto da qualche dì e fanno roba tipo così

e mi gustano assai. Se cliccate qui, pensate che potete avere pure altre informazioni su di loro. Ah, cosa che vi invoglierà un sacco é che hanno fatto tre mini ep scaricabili gratuitamente. e trovate tutto sul link di cui sopra.

Sto iniziando a pensare a come preparare il live per il mio ep ABCDEFEIZEE (che quasi, quaaaasi, giuro, sta per uscire) rifatto tutto con mpc e sp404.

 

E’ bello fare tutto per la prima volta.

Carry on and have a smile,
ef

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

cinquantaquattropuntozero emmebipiesse

che non so neanche cosa vuol dire, ma intuisco che ciò faccia della mia connessione una lumacona. quindi probabilmente meglio così. se non fosse che poi ci perdo più tempo per vedere quei due video nuovi che ho accuratamente selezionato per il caricaggio, tra i moltipiùdidue che avevo a disposizione.
Amo le piccole cose ed amo che le abbia avute (leggi: fatte) stasera, magari neanche rendendosene conto.
Ho visto un concerto che mai avrei pensato di. e il batterista avrei voluto dirgli qualcosa di bello.
Oggi Ale Luchis Bongo Gerronz nonc’ébisognodialtreparolechetanto non si cancellerà mai.
Ho notato che se ti gratti la caviglia destra con il piede sinistro e nel frattempo tenti di misurare la frizione, é probabile che ti scatti e non sia dolce.
Penso a molte cose ma ora ho in testa se é così importante la masterizzazione di un disco. e dico si. però penso anche che é capitato a volte che tra i dischi che preferisco, la masterizzazione pare non ci sia. e lì mica é così imporante. e mi chiedo con presunzione a punto di domanda se la musica che faccio io, abbia così bisogno di masterizzazione e di ottimizzazione del suono. o se le cose arrivino comunque ed arrivino bene.
mi chiedo anche se sto coniugando tutto giusto, che sono sveglio da molto ed ho pure fatto molto. e molto probabilmente non rileggerò neanche quel che sto scrivendo.

se ora abitassi da solo, con poche probabilità qualcosa mi eviterebbe dall’alzare il volume molto e mettermi a ballare. probabilmente forse non abiterei neanche da solo e coinvolgerei anche l’altra metà di Casa nelle mie danze e nelle mie stupidaggini :)
molto.
molto.
m o l t o .
lucky me. é tipo l’etichetta del tipo di qui sopra. mi pare che vi abbia già parlato di.
lucky me. molto. si, credo di si. sono convinto di si.
come tipo fai che sei per strada e dici é da un po’ che non si trovano più soldi per terra, per caso e poi vai a bere un caffé un amaro dei baci e sul tavolo fuori del locale, sotto il posacenere/portacenere (ma dove la si porta? io ce la poso, mica la porto da qualche parte) ci vedi una banconota verde, con su scritto 100 euro e dici !!!!!!! Vale!! e la prendi in mano e pensi che stasera la porti fuori a cena dove c’é da spenderli tutti e non lasciarci fuori neanche un cent e poi la apri per vedere tutta la carta tutti i colori e guardare tutto meglio e ci vedi invece che era uno scherzo che sono facsimili e pensi a cose tipo fuck o simili, ma ridi lo stesso e pensi che scemo che sono anche se un po’ ti dispiace ma tanto hai già tutto quel che ti serve, anche se mangi un mcroyalmenu e un mcchickenmenu al posto degli spaghetti allo scoglio e di un’aragosta che ti ci vuole il bavagliolo e le pinze che non ti sporchi la camicia non si sa mai. tanto ridi lo stesso e ami lo stesso e ti guardi lo stesso e ti tieni la mano lo stesso che a te che ti frega.
leggo un libro che mi ha consigliato un mio amico che ci somigliamo molto e un suo amico ci dice che siamo fratelli ma non finisce più. sono a metà da un sacco di tempo!
Penso alla musica. che mi sto ricamando il mio modo di farla e non mi faccio più problemi se un qualcosa non é come i “canoni standard”. che se a me piace così, va bene così. Non é una cosa che arriva immediata, sai. ci vuole del tempo per capire. ma poi si capisce e si impara. e si impara sempre meglio. e quando si capisce e si impara, tutto é più sereno, credo, o qualcosa di simile, comunque qualcosa di piacevole.
Oggi é successa una cosa bella. E chissà se leggevi quello che scrivevo o se lo leggerai. ma in qualche post indietro c’era una cosa per te che magari la trovo io, ma sarebbe più bello la trovassi tu.
Ho un sacco di efeimix in testa da fare. ma non vi svelo ancora tutto. per ora vi dico solo che:
in uno ci metto delle canzoni tipo *manca del testo*;
un altro lo faccio con tutti pezzi che *manca del testo*;
e poi un altro ancora lo faccio *manca del testo*.
sisì. giuro. ascolterete :)

Ora mi sa che é meglio che vado a letto/ascoltare un po’ di musica/fall asleep.

(ri)Consiglio per l’ascolto:

Carry on and have a smile,
ef

Pubblicato in consiglio per l'ascolto. | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

il momento giusto.

Scrivo da camera mia. che qualcuno ora ha una rete wireless accessibile proprio da dove scrivo. è un’assoluta novità per me. solitamente sono sempre stato legato ad un filo con poche possibilità di movimenti. ora invece ho diversi metri di spazio libero. ora come ora mancherebbe solo fosse estate e i miei fossero in vacanza. in questo modo potrei fumare una cicca seduto alla finestra, aprirmi una birra presa in offerta in qualche discount, ma con 8.9 di grado alcolico, e aspettare il campanello che suona. ascolto JayKin. mi piace. poi vi parlo di lui. per ora vi racconto che oggi ho superato finalmente uno degli ostacoli più intricati che mi siano mai capitati. spero ora sia tutto in discesa. ho fatto scelte che forse rifarò.ma in modo diverso. e forse è meglio così. sia per me che per tutti. vorrei essere utile e fare cose utili a terzi. anche a quarti e a quinti, quindi anche a sesti, a gente di sestri levante e alla gente del sol levante. e così via dicendo/scrivendo. esce il nuove dei Justice quest’anno. il quattro del quattro esce il singolo. speriamo in bene. ora come ora, mi pare che tutti stiano copiando quel che han fatto loro. speriamo speriamo :)
Una delle mie canzoni preferite di sempre è millionaire di kelis e andre 3000. e Silvia lo sa. Poi oggi pensavo che ci sono delle canzoni che sono le mie preferite. o meglio. che le ho dentro da sempre. ma non so nemmeno di chi siano, per esempio. figuriamoci il titolo.
Poi ierinotte pensavo che avevo iniziato un ep/disco(grafia) con Capstan e che non ho più fatto nulla per andare avanti, a causa di impegni che sono incombesi.

Pensavo a cose che ho scordato. Servirebbero più soldi per.
tutto.
Mi piacerebbe avere un lessico molto ricco, in tutte le lingue. e mi piacerebbe che nel mio computer si vedessero gli ideogrammi, ma invece no. e non ho idea(gramma) di come fare in modo che si vedano. ho provato ma boh. beh!

JayKin vive a VanCity (che credo sia Vancouver) / Tokyo. E’ nero. Parla inglese e giapponese. Nel suo disco ha usato due o tre campioni che avevo intenzione di usare io. e non vi dico null’altro a riguardo che altrimenti poi cioè ciao. Mi piace. Questo é il suo sito che é supa cooooooool www.jaykinlive.com e se cliccate sul simbolino simile a quello dei giochi del gameboy, in basso a destra, potete scaricare gratuitamente il suo disco “sneakers and video games” che vi consiglio vivamente.
Questo é un video, estratto dall’album di cui sopra.

Prima di andare a fumare una cicca e salutarvi, vi ricordo la mia pagina facebook che ti basta cliccare qui e poi su Mi piace, pensa che facile! e poi ti faccio vedere anche il mio ultimo video che é proprio il tuo preferito, pensa :)

Viva viva tutti voi viva viva.

Carry on and lalala lalala laaaaaa,
ef

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | 4 commenti